Luigi Einaudi: Contro il mito dello Stato sovrano

Luigi Einaudi


La critica al mito dello Stato sovrano  di Luigi Einaudi è fondamentale per capire il  suo pensiero federalista  e quasi tutta la sua opera verte su questo. 

Einaudi scrive di questi temi in modo sparso, occasionale, non in testi accademici e interviene infatti soprattutto sui , tra cui ne “Il Corriere della Sera”. Questi suoi interventi hanno lo scopo di educare l’opinione pubblica e spingerla a riflettere in modo critico. Il contenuto di questi articoli incisero sulla formazione di alcuni artefici della costruzione Europea come Ernesto Rossi e Altiero Spinelli. Il federalismo di Einaudi influenzerà anche il pensiero europeista e l’azione come Presidente del Consiglio di Alcide De Gasperi, che almeno inizialmente non era un convinto federalista.

Luigi Einaudi con Altiero Spinelli e Ernesto Rossi


Gli articoli e gli interventi sulla crisi dello stato sovrano e il problema dell’unità europea si collocano in un arco temporale che va dal 1897 al 1956, con una maggiore continuità dal 1915 al 1925, quando in solidarietà con il direttore Luigi Albertini lascia “Il Corriere della Sera”. Tra il 1943 e il 1954, ovvero durante il secondo conflitto mondiale e l’inizio della Guerra Fredda, scrisse parecchio, proprio quando occorreva ricostruire una situazione di stabilità e di pace in Europa.
Alcuni temi rimangono costanti nel corso della sua produzione come il del superamento della sovranità assoluta e il mito dello stato sovrano: è un tema presente nello Scrittoio del Presidente, pubblicato nel 1956.
Il concetto che è alla base della riflessione di Luigi Einaudi nel corso della sua produzione scientifica denuncia in modo costante il dogma della sovranità assoluta, sottolineando la necessità di una maggiore cooperazione tra gli Stati, imposta da una crescente interdipendenza provocata dallo sviluppo economico dovuto alla rivoluzione industriale. Secondo Einaudi, la sovranità assoluta richiederebbe l’autosufficienza economica e quindi la possibilità disporre di uno spazio vitale. La teoria degli spazi vitali è un rimedio alla mancanza di materie prime e al problema della sovrapproduzione: tale idea presuppone una condizione che non esiste di fatto. 
In questo periodo caratterizzato dall’interdipendenza economica lo spazio vitale sarebbe il mondo intero, in quanto ogni sistema economico per quanto grande non possiede al suo interno abbastanza materie prime necessarie allo sviluppo. 
La conclusione a cui arriva Einaudi è senza appello. Scrive infatti  
Bisogna distruggere e bandire per sempre il dogma della sovranità perfetta. 

Einaudi vedeva nel mito della sovranità assoluta la causa delle guerre  e non cause economiche, politiche e religiose. Il pacifismo di Einaudi si inserisce nel pacifismo giuridico risalente a Kant, a cui si ricollega la tradizione federalista di Hamilton.
Dalla demolizione del dogma dello stato sovrano Einaudi ricava quattro conseguenze importanti: l’individuazione della causa ultima della guerra; la critica alla Società delle Nazioni e dell’Onu; l’affermazione del diritto di ingerenza  e la necessità della federazione europea. 
Le quattro conseguenze rappresentano i punti centrali della riflessione sul federalismo di Einaudi e sono  i punti centrali anche per capire anche la sua prospettiva europea e il suo sostegno al processo di integrazione europea durante il suo settennato.
Le idee espresse porteranno Einaudi ad essere molto critico sia verso la Società delle Nazioni  sia, dopo la Seconda guerra mondiale, nei confronti dell’Onu. Sostiene invero il processo di integrazione europea che si stava avviando  in Europa nel Secondo dopoguerra sia come Ministro del Bilancio, dopo l’uscita dei socialcomunisti dal governo nel 1947, sia poi durante il suo settennato come Presidente della Repubblica, anni in cui si svolge il dibattito sulla Comunità europea di Difesa.
Dr. Francesco Sunil Sbalchiero

Fonti:
Luigi Einaudi, Lo Scrittoio del Presidente, Einaudi, Torino, 1956.
Luigi Einaudi, Il buongoverno. Saggi di economia e  politica (1897-1954), Laterza, Roma Bari, 2012.
Roberto Marchionatti, Paolo Soddu, Luigi Einaudi nella cultura, nella società e nella politica del Novecento, Leo S. Olschki editore, Firenze, 2010.
Daniela Preda, Storia di una speranza, Edizioni universitarie Jaca, Milano, 1990.
Riccardo Faucci, Eianudi, UTET, Torino, 1987.

Norberto Bobbio, Il federalismo nel dibattito politico e culturale della resistenza, in “critica sociale”, anno 65, n.24, 20 dicembre 1973

Pubblicato da Francesco Sunil Sbalchiero

Francesco Sunil Sbalchiero nato in Sri Lanka nel 1992 e vivo a Venezia. Mi sono laureato in triennale in storia all’Università Ca’ Foscari di Venezia con una tesi intitolata Le premesse del centro-sinistra in Italia e a Venezia(1949-1957) con il professore Giovanni Vian e i magistrale in scienze storiche all’Università degli studi di Torino con una tesi sul Presidente della Repubblica Luigi Einaudi con il professore Paolo Soddu. In passato ho fondato il blog Aggiornamenti Storici (2016), ho collaborato con il sito Historical Eye ed ora collaboro con il Centro studi Piero Gobetti di Torino e con altri istituti del Polo del 900. Mi occupo principalmente di storia dei partiti politici e di storia dell’Italia repubblicana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: