Giovanni Leone e la richiesta di dimissioni nel 1976 di La Malfa

Giovanni Leone viene ricordato molto spesso per essere stato presidente della Repubblica durante il sequestro Moro e per le sue dimissioni nel 1978. In questo articolo oltre a ripercorrere alcuni aspetti della biografia del politico napoletano, si approfondisce un aspetto poco conosciuto cioè le dimissioni chieste da La Malfa nel 1976, due anni prima della decisione ufficiale di Leone di dimettersi.

Gruppo XXII Ottobre: il primo nucleo paramilitare italiano

Sostieni il nostro lavoro storiografico indipendente tramite: – DONAZIONE LIBERA: https://www.paypal.me/riscriverestoria – ABBONAMENTO AL SITO: https://www.patreon.com/riscriverelastoria – LE NOSTRE PUBBLICAZIONI: https://www.riscriverelastoria.com/p/riviste.html Ore 20.33 del 16 aprile 1970. Il normale TG della sera, ascoltato da milioni di italiani, è bruscamente interrotto da un’interferenza che si diffonde solo in alcune zone di Genova. Il messaggio viene trasmesso da alcuni ripetitoriContinua a leggere “Gruppo XXII Ottobre: il primo nucleo paramilitare italiano”

L’emblematico governo di Amintore Fanfani

Fanfani fino al 1954 non aveva avuto incarichi importanti di partito all’interno della Dc, la sua concezione della politica lo rendeva più un uomo di governo, egli infatti vedeva nel modo di governare uno dei punti di forza di De Gasperi. Diventerà l’uomo di punta del gruppo di Cronache Sociali all’interno dei governi De Gasperi.Continua a leggere “L’emblematico governo di Amintore Fanfani”

La criminalità ‘servente’ nel Caso Moro: Intervista a Simona Zecchi

Simona Zecchi vive e lavora fra Roma e Lione, dove collabora con la redazione italiana dell’emittente Euronews. È autrice del libro inchiesta Pasolini. Massacro di un poeta ( Ponte alle Grazie, Milano, 2015), vincitore della X Edizione del Premio “Marco Nozza” 2016-Giornalismo investigativo e informazione critica. Durante gli anni 2014-2017 si è occupata del casoContinua a leggere “La criminalità ‘servente’ nel Caso Moro: Intervista a Simona Zecchi”

Onorevoli trasformisti: da Cavour ai giorni nostri

Oggi più che mai agli onori (e disonori) delle cronache, il trasformismo si presenta spesso come garanzia di sopravvivenza e supremazia politica. Uno strumento di contrasto alle opposizioni che perdura da più di un secolo. Tempo fa il termine “trasformismo” voleva indicare la confluenza dei partiti storici italiani in maggioranze parlamentari costruite intorno a problemiContinua a leggere “Onorevoli trasformisti: da Cavour ai giorni nostri”

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito