Gerusalemme e le tre sorelle

C’erano una volta tre sorelle, nate a molti anni di distanza l’una dall’altra, tant’è che crebbero con la convinzione di essere figlie uniche degli amati genitori. Un giorno, le tre sorelle cominciarono a litigare circa l’eredità lasciata dai genitori. E’ un litigio antico quanto la storia stessa, che vede come protagoniste le tre religioni abramitiche,Continua a leggere “Gerusalemme e le tre sorelle”

Il campo di concentramento di Rab

Il ruolo dell’Italia nel contesto della seconda guerra mondiale, da qualche decennio è tornato al centro dell’attenzione del dibattito storico. È anche grazie allo storico Angelo del Boca, scrittore del saggio “Italiani, brava gente?”, che gli italiani cominciano seriamente a interrogarsi su questa grande questione. Effettivamente, c’è stata un’anomalia nella ricostruzione storica stessa; sembra infattiContinua a leggere “Il campo di concentramento di Rab”

Saints and Sacred Matter: Le reliquie e il loro culto nelle tre religioni monoteiste

Il libro si presenta come una miscellanea di saggi presentati in occasione del Dumbarton Oaks Simposium, il tema centrale è approfondire aspetti meno noti di tutto quel mondo che ruotava attorno alle reliquie e al loro culto. Molti degli autori sono studiosi del mondo bizantino, impero che si sviluppava all’interno di territori in cui sonoContinua a leggere “Saints and Sacred Matter: Le reliquie e il loro culto nelle tre religioni monoteiste”

Cieli di gloria, cieli di morte

27 gennaio 2019. Sono passati 74 anni dal termine della Seconda Guerra Mondiale, un conflitto che può definirsi disumano, in quanto incentrato sul razzismo, la ricerca della prevaricazione di un popolo su un altro, l’avversione nei confronti degli ebrei e dell’umanità stessa, come hanno potuto dimostrare i bombardamenti di Nagasaki e Hiroshima. Usciamo un attimoContinua a leggere “Cieli di gloria, cieli di morte”

Dachau: "l’inferno in terra!"

Anno 2018.C’è un cancello chiuso, guardo attraverso le inferriate. Polvere e muri cadenti, sento l’odore, ne sento l’odore acre, sento nel profondo dell’anima l’affiorare di ricordi che non sono miei e che tuttavia mi rompono il cuore. Spezzano in mille frantumi speranze riposte nella natura dell’uomo. Sento un odore,  lo sento e nel respiro siContinua a leggere “Dachau: "l’inferno in terra!"”

1938: L’anno zero!

Trieste anno 1938,tutto uguale, mi pare! Il mare cristallino, il sole alto nel cielo, e fa ancora caldo. Sì, fa caldo! Mangio il gelato con il mio amico Aldo, stamane è meno allegro degli altri giorni, qualcuno ha detto che insieme non si può più giocare, ma io non credo che sia illegale mangiare ilContinua a leggere “1938: L’anno zero!”

Il treno che andava ad Auschwitz

Io sono quel treno che porta nei propri vagoni persone stipate dall’Italia ad Auschwitz. Questi uomini sono chiamati “ebrei”. Eppure non mi sembrano tanto diversi dagli altri che chiamano italiani, fascisti, tedeschi o Führer o Duce. Mi sembrano identici. Eppure devono ammucchiarsi dentro le mie carrozze, così stretti che mi domando come fanno a respirare.Continua a leggere “Il treno che andava ad Auschwitz”

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito