Dachau: "l’inferno in terra!"

Anno 2018.C’è un cancello chiuso, guardo attraverso le inferriate. Polvere e muri cadenti, sento l’odore, ne sento l’odore acre, sento nel profondo dell’anima l’affiorare di ricordi che non sono miei e che tuttavia mi rompono il cuore. Spezzano in mille frantumi speranze riposte nella natura dell’uomo. Sento un odore,  lo sento e nel respiro siContinua a leggere “Dachau: "l’inferno in terra!"”

Il treno che andava ad Auschwitz

Io sono quel treno che porta nei propri vagoni persone stipate dall’Italia ad Auschwitz. Questi uomini sono chiamati “ebrei”. Eppure non mi sembrano tanto diversi dagli altri che chiamano italiani, fascisti, tedeschi o Führer o Duce. Mi sembrano identici. Eppure devono ammucchiarsi dentro le mie carrozze, così stretti che mi domando come fanno a respirare.Continua a leggere “Il treno che andava ad Auschwitz”

L’olocausto del Congo: gli orrori del colonialismo belga sotto Leopoldo II

Nella seconda metà dell’800 tutte le grandi potenze europee erano da tempo impegnate in un vasto piano di colonialismo verso quelle regioni ancora sottosviluppate, quali Africa e sud dell’Asia. A fianco alle grandi potenze colonialiste come Regno Unito e Francia, un piccolo stato europeo, il Belgio, cercherà di ritagliarsi un piccolo spazio tutto per séContinua a leggere “L’olocausto del Congo: gli orrori del colonialismo belga sotto Leopoldo II”

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito